TRICOLOGIA: Terapia chirurgica della calvizie. Trapianti di capelli: Scalp Reduction. Luigi speziali, Terapia chirurgica della calvizie, rimedi anti calvizie, alopecie, centri trapianti capelli, Rimedi

 

   Terapia Chirurgica della Calvizie: Trapianti di capelli.

 

Scalp Reduction

E’ l’intervento più semplice e fornisce, in alopecia circoscritte del vertice, risultati rapidi e soddisfacenti.

Si asporta chirurgicamente una losanga di area glabra e, dopo aver scollato ampiamente (nello spazio subgaleale) gran parte del cuoio capelluto, si suturano i margini della breccia operatoria.

E’ necessaria una valutazione preliminare dell’elasticità del cuoio capelluto (anche empiricamente con i polpastrelli delle dita). L’intervento, eseguito in anestesia locale, può essere ripetuto dopo circa 4 mesi.

Nell’immediato post-operatorio e’ spesso presente edema (controllabile con steroidi per bocca) e dolore locale.

Esistono due varianti che prevedono l’utilizzo di espansori cutanei o di estensori sottocutanei, allo scopo di aumentare progressivamente la disponibilità di cute e di eseguire così la scalp reduction una sola volta.

In pratica nel 1° caso viene posizionato un “palloncino” biocompatibile nel sottocute vicino all’area calva; esso viene settimanalmente riempito, attraverso una valvola, con soluzione fisiologica fino al raggiungimento di un volume adeguato. Infine, dopo alcuni mesi, esso viene rimosso, insieme all’area calva, mentre quest’ ultima viene ricoperta dall’area espansa (ricoperta di capelli).

Nel secondo caso viene inserito chirurgicamente , nel sottocute dell’area alopecia, uno strumento in silicone, che viene ancorato, in tensione, tramite uncini di titanio, alla galea capitis e lasciato in sede per 1-2 mesi. Dopo tale periodo, ottenuta una quantità sufficiente di cute “espansa”, si rimuovono l’estensore e la cute alopecia, e si suturano i bordi.

A differenza dell’ espansore, nettamente visibile sulla testa del paziente e per tale motivo accettato solo raramente, l’estensore e’ appena percepibile al tatto.

Entrambe le varianti vengono pianificate soprattutto nei pazienti con scarsa elasticità cutanea.

© Dottor Luigi Speziali

 

  Contatti
Last Update : 19-10-2007.      

Credits: P&P Project